MOYS AL BOOT DI DUSSELDORF

Anche per il 2018 MOYS, Marina di Olbia Yachting Services, ha deciso di essere presente al salone internazionale di Dusseldorf che aprirà i battenti il prossimo 20 gennaio fino al giorno 28.

 

MOYS ha già partecipato a numerose edizioni del salone tedesco che è anche il più grande salone indoor internazionale dedicato alla nautica. Il marina sardo è sempre stato oggetto di interesse del pubblico nord-europeo che infatti contribuisce ad animarlo sulle banchine e nelle residenze adiacenti il porto.

Per questo anno MOYS porta a Dusseldorf un triennio di successi finanziari e commerciali, i quali si traducono in un incremento costante di fatturato di circa il 20% ogni anno.

Olbia dal punto di vista nautico è sicuramente una meta di interesse sia per gli armatori, che possono utilizzarla come base per esplorare la Sardegna verso Nord e verso Sud avendo a poca distanza le più belle mete del Mediterraneo, ma anche per gli equipaggi, che possono contare su una città viva tutto l’anno e la presenza di servizi e cantieri in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza.

A tutto questo si deve aggiungere la posizione del Marina di Olbia Yachting Services, in un contesto ambientale di grande valore, dove una zona residenziale con annesso centro commerciale, scuole in prossimità e l’aeroporto a soli tre minuti di auto offrono tutto il necessario per essere la meta ideale anche in pieno inverno.

Le attività e i servizi all’interno del porto sono attivi tutto l’anno e il personale è sempre presente e pronto a soddisfare le richieste degli ospiti.

La zona che circonda il MOYS è in continua evoluzione infatti, si sta arricchendo di aree commerciali verso l’aeroporto, beneficia di strutture alberghiere di ottimo livello a poca distanza e convenzionate con il porto, ristoranti, bar e servizi.

Le caratteristiche ambientali unitamente alla presenza dell’aeroporto Costa Smeralda a pochi minuti di strada, lo rendono anche una meta molto interessante per l’organizzazione di eventi come presentazioni di prodotto, convegni e simili.

MOYS ha deciso di raggiungere Dusseldorf anche nel 2018, portando dati finanziari positivi, innovazione all’interno del marina con impianti di sorveglianza e gestione dei servizi di ultima generazione, servizi basati su standard elevati e nuovi progetti per il futuro nonché personale altamente qualificato.

Il successo riscontrato sin dalla sua apertura nel maggio del 2009, ha reso il marina di Olbia una delle mete prescelte dai grandi yacht in transito per la costa Nord-Orientale della Sardegna. Alcuni decidono di sfruttare i servizi del marina e quelli disponibili sul territorio per tutto l’anno, scegliendo i numerosi cantieri presenti nel Golfo di Olbia per i lavori di routine o anche straordinari.

Conosco l’intero progetto sin dagli anni ’90, quando si parlava del porto che avrebbe portato rivalutazione e occupazione, oltre che nuove opportunità di business nell’area. Da allora di tempo ne è passato ma tutto ha preso forma e oggi è realtà. Agenzie di charter che scelgono MOYS come base per il loro lavoro, armatori di grandi yacht che sostano per periodi più o meno lunghi approfittando della vicinanza con l’aeroporto, cantieri che possono contare sull’indotto generato dalla presenza delle barche per avere flussi di lavoro che spingono alla crescita. Questi sono solo esempi di come un’economia locale possa essere sostenuta e proiettata verso un futuro di crescita grazie a un’iniziativa totalmente finanziata da privati.

Angelo Colombo

Sono molto affezionato a questo porto perché da quasi 25 anni le persone con le quali mi relaziono, che sono gli artefici di quello che oggi è parte del complesso residenziale e il porto stesso, hanno realizzato tutto quello che hanno detto e lo hanno fatto sempre con estrema serietà.

Questo è il motivo per il quale quando mi è stato chiesto da queste stesse persone se avevo voglia di occuparmi della comunicazione di MOYS, ho accettato con entusiasmo annoverando questa struttura tra le aziende alle quali da ora, gennaio 2018, cerco di dare la giusta visibilità.

Arrivederci a Dusseldorf.

Lascia un commento